Yearly Archives: 2015

L’agiografia sarda antica e medievale: testi e contesti

La Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna organizza nelle giornate del 4 e 5 dicembre 2015, presso la propria aula magna un convegno di studio dal titolo:

L’agiografia sarda antica e medievale: testi e contesti.

Programma:

I  Sessione

Venerdì, 4 dicembre h. 9.00

Saluto

Maurizio Teani,

Preside della Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna Presiede Maurizio Virdis

Duilio Caocci, Università di Cagliari

Metabolismi agiografici. La vita dei martiri turritani nel poema di Araolla

Anna Maria Piredda, Università di Sassari

Il De sanctis Sardiniae di Giovanni Arca

Mauro Badas, Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna

La Passione dei martiri turritani: aspetti ecdotici e agiografici

pausa

Cecilia Melis, Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna

La tradizione manoscritta della Passio Antiochi

Luana Zorzi, Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna

Le due recensiones della Passio di Lussorio/Rossore

Graziano Fois, Cagliari

La Passio S. Ephysii tra Grecìa, Romània e recupero cinquecentesco

 

II  Sessione

Venerdì, 4 dicembre h. 16.00 Presiede  Rossana  Martorelli

Antonio Piras, Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna

Il dossier agiografico di Saturnino di Carales

Cristina Cocco, Università di Cagliari

Itineraria ad loca sancta tra letteratura odeporica e agiografia

Giovanna Pintus, Università di Sassari

Motivi agiografici e letterari nel Sermo de vita Honorati di Cesario di Arles

pausa

 

Michele Orrù, Università di Cagliari

Le tre Vite di Teodoro Studita e la Sardegna

Giampaolo Mele, Università di Sassari, Facoltà Teologica della Sardegna Ex Jacobis binis. Innografia agiografica e celebrativa in Cagliari BUC, S.P. 6 bis 4.7, sec. XIII1

Roberto Caria, Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna

I gosos dei martiri sardi fra tradizione agiografica e religiosità popolare

 

III Sessione

Sabato, 5 dicembre h. 9.00 Presiede Massimiliano Spano

Rossana Martorelli, Università di Cagliari

Riferimenti topografici nelle Passiones dei martiri sardi

Pier Giorgio Spanu – Raimondo Zucca, Università di Sassari

Passio Sancti Luxurii: un caso di studio tra filologia, epigrafia e archeologia

Susanna Paulis, Cagliari

I martiri Gavino, Antioco e Bachis nella tradizione popolare sarda

pausa

Danila Artizzu, Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna

Il paesaggio come teatro: città, suburbi, territorio sullo sfondo delle passiones dei martiri sardi

Antonio M. Corda, Università di Cagliari, Facoltà Teologica della Sardegna

Nomi di santi e menzione di reliquie nelle iscrizioni autentiche e false della Sardegna paleocristiana

Paolo B. Serra, Cagliari

Credenti in Cristo di etnia ebraica nella Sardegna tardoromana e altomedievale

 

Per gli studenti dell’ISSR di Cagliari il convegno è accreditato come giornata/convegno interdisciplinare. 

In allegato il manifesto del convegno:

2015_Convegno_Agiografia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

convegno di studi

Abitare Condiviso

Si allega l’avviso dell’ERSU “Abitare Condiviso”

Avviso_abitare_condiviso

Annuario anno accademico 2016-17

In allegato l’annuario 2016-17 (formato pdf)

Annuario 2016-17

Pagine Docenti

Prof.ssa Danila ARTIZZU

Prof.ssa Manuela DEIDDA

Prof.ssa Maria Grazia PAU

Prof.ssa Sr. Rita LAI

 

 

 

 

 

 

 

Piano di Studi a.a. 2015-16

Piano di Studi AA. 2015-2016

  1 h/sett= 14 h totali

Primo anno ECTS

 

Ore/sett*

 

Introduzione  al metodo della ricerca  e dello studio teol M.G. Pau 4 2
Storia della filosofia antica e medievale M. Spano 6 3
Filosofia sistematica: Introd. alla Filos e Filos della conosc S. Pisu 4 2
Filosofia sistematica: Antropologia Filos. e Filosofia Morale D.Vinci-G.Tilocca 6 3
Sacra Scrittura: Introduzione alla Sacra Scrittura F. Loi 4 2
Sacra Scrittura: Pentateuco e libri storici -Introd. ed esegesi- F. Loi 6 3
Sacra Scrittura: I Sinottici – Opera lucana  – Introd.ed eseg – M. Lorenzani 6 3
Teologia: Introduzione alla Teologia e Teologia fond. M. Vinti 6 4
Teologia morale: Teologia morale fondamentale F. Maceri 4 2
Storia della Chiesa antica e medievale A. Corona 6 3
Dossier Lavoro personale 2
Paper 2
Confronto testi : Dottrina sociale della Chiesa S. Bolomba 2 1
Convegno/Giornata interdisciplinare 2
* 1 h/sett= 14 ore totali

 

Secondo-Terzo anno ECTS Ore/sett

 

Filosofia sistematica: Istanze filosofiche contemporanee D. Vinci 2 2
Sacra Scrittura: IV Vangelo -Lettere di S. Giovanni ed Apocalisse- Introduzione ed esegesi  

M. Lorenzani

6 3
Teologia Dogmatica: Antropologia Teologica: Creazione-Peccato, Virtù Teologali, La Grazia di Cristo R. Lai 10 5
Teologia Dogmatica: Escatologia P. Piras-D. Meloni 2 1
Teologia Dogmatica: Introduzione ai Sacramenti e Sacramentaria Penitenza, Unzione degli infermi, Ordine P. Piras 4 2
Teologia Dogmatica: Introduzione ai Sacramenti e Sacramentaria Iniziazione cristiana, Matrimonio P. Campus 6 3
Teologia biblica: Esegesi di brani scelti A. Secci 2 1
Liturgia G. Madeddu 4 2
Patrologia – Introduzione alla patrologia A. Piras 4 2
Teologia morale II: Morale sociale M. Pettinau 6 3
Catechetica fondamentale M.G. Pau 4 2
Confronto testi: M. Matzeu 2 1
Dossier Lavoro personale (solo II anno) 2
Paper (solo II anno) 2
Convegno/Giornata interdisciplinare (solo II anno) 2
Esame sintetico e Dissertazione (solo III anno) 10

 

 BIENNIO DI SPECIALIZZAZIONE

 

Ind. Pastorale-catechetico-liturgico/ Anno I e II ECTS Ore/sett
Teologia Pastorale speciale – tirocinio R. Piredda                      6
Pastorale e spiritualità del matrimonio e della famiglia Ch.Steiner 4 2
Catechetica Speciale M.G. Pau 6 3
Liturgia e Tradizioni storico-artistiche C.Pillai-S. Sedda-F.Trudu 4 2
Teologia Spirituale e spiritualità biblico-liturgica A. Lanero 4 2
Musicologia Liturgica G. Madeddu 2 1
Sociologia della religione e della chiesa locale M. Deidda 4 2
Teologia morale: La formazione della coscienza F. Maceri 4 2
Teologia del laicato M. Pettinau 4 2
Tecniche e dinamiche di gruppo M. Del Zompo 2 1
Storia delle religioni II E. Melis 4 2
Storia della chiesa sarda antica e medievale D. Artizzu 4 2
Storia della chiesa sarda  moderna e contemporanea T.Cabizzosu/G.Puddu 4 2
Confronto testi  di teologia biblica A. Secci 2 1
Dossier Lavoro personale (solo I anno) 2
Convegno/Giornata interdisciplinare (solo I anno) 2
Tesi specialistica (solo II anno) 16

 

Indirizzo pedagogico-didattico/ Anno I e II Ects Ore/sett
Pedagogia: Pedagogia della religione A. Marrone 4 2
Psicologia: Psicologia della religione M. Fadda 4 2
Teoria della scuola e legislazione scolastica M.G. Pau 2 1
Metodol e didattica dell’insegnamento della relig. catt-tiroc M.G. Pau- R. Piredda        6
Antropologia culturale e della religione E. Melis 4 2
Liturgia e tradizioni storico-artistiche C.Pillai-S. Sedda-F.Trudu 4 2
Sociologia della religione e della chiesa locale M. Deidda 4 2
Teologia morale: La formazione della coscienza F. Maceri 4 2
Storia delle religioni II E. Melis 4 2
Tecniche e dinamiche di gruppo M. Del Zompo 2 1
Teologia del laicato M. Pettinau 4 2
Storia della Chiesa sarda antica e medievale D. Artizzu 4 2
Storia della chiesa sarda moderna e contemporanea T.Cabizzosu/G.Puddu 4 2
Confronto testi di teologia biblica A. Secci 2 1
Dossier Lavoro personale (solo I Anno)
Convegno/Giornata interdisciplinare (solo I Anno) 2
Tesi specialistica (solo II Anno) 16

 

 

Calendario anno accademico 2015-16

CALENDARIO ANNO ACCADEMICO 2015-2016

14 SETTEMBRE:

INIZIO ISCRIZIONI (lun-mart-merc dalle 17 alle 19- fino al              28 ottobre)

16 Settembre: Termine ultimo della consegna degli elaborati/tesi da discutere nella sessione autunnale

21 Settembre-10 Ottobre: Esami sessione autunnale

 

OTTOBRE 2015

5 Ottobre: Inaugurazione dell’Anno Accademico: S. Messa e Prolusione

6 Ottobre: Inizio delle lezioni (I Semestre: 6 Ottobre – 27 Gennaio)

10 Ottobre: Conclusione della sessione autunnale degli esami

28 Ottobre: Fine delle iscrizioni

30 Ottobre: Festa di S. Saturnino, Patrono della città di Cagliari: vacanza

NOVEMBRE 2015

2 Novembre: Commemorazione dei fedeli defunti: vacanza

11 Novembre: Termine ultimo della presentazione della domanda di abbreviazione di corso (riconoscimento di esami sostenuti presso altra istituzione accademica) e della consegna del piano di studi di coloro che sono in possesso del titolo di  “Magistero in Scienze Religiose” al fine del conseguimento della “Laurea Magistrale in Scienze Religiose”

 

DICEMBRE 2015

8 Dicembre: Solennità dell’Immacolata concezione di Maria: vacanza

9 Dicembre: Termine ultimo della presentazione dello Schema dell’Elaborato finale per il conseguimento della Laurea o della Tesi di Laurea Magistrale da discutere nella sessione estiva

16 Dicembre-6 Gennaio: Vacanze Natalizie

 

GENNAIO 2016

11 Gennaio: Termine ultimo della consegna degli elaborati/tesi da discutere nella sessione invernale

27 Gennaio: Conclusione I semestre

28 Gennaio-13 Febbraio: Esami della sessione invernale

FEBBRAIO 2016

10 Febbraio: Mercoledì delle ceneri

13 Febbraio: Conclusione della sessione invernale degli esami

15 Febbraio: Inizio delle lezioni (II Semestre: 15 Febbraio-3 Giugno)

MARZO 2016

16 Marzo: Termine ultimo della presentazione dello Schema dell’Elaborato finale per il conseguimento della Laurea o della Tesi di Laurea Magistrale da discutere nella sessione autunnale

16 Marzo-4 Aprile: Vacanze Pasquali

 

MAGGIO 2016

4 Maggio: Termine ultimo della consegna degli elaborati/tesi da discutere nella sessione estiva

 

GIUGNO 2016

 1 Giugno: Conclusione del II semestre

 3 Giugno: Conclusione Anno Accademico: S. Messa di ringraziamento

 3 Giugno-9 Luglio: Esami sessione estiva

29 Giugno: Termine ultimo della presentazione dello Schema dell’Elaborato finale per il conseguimento della Laurea o della Tesi di Laurea Magistrale da discutere nella sessione invernale dell’AA. 2015-2016

Tesario

Presentazione

Il conseguimento della Laurea triennale in Scienze Religiose prevede un esame conclusivo di tipo sintetico che verte su tematiche  proprie delle aree disciplinari  comprese nel Piano di studi dell’Istituto.

Per ciascuna disciplina curricolare il tesario propone  un tema sintetico cui seguono due o più nodi essenziali,  tutti in relazione tra loro e legati al tema iniziale quanto ai contenuti e quanto al metodo.

La tipologia prescelta risponde all’esigenza di rendere agevole il conseguimento della finalità specifica di questo tipo di esame. L’esame sintetico non intende infatti verificare la conoscenza analitica dei vari contenuti disciplinari, mira piuttosto ad accertare la padronanza di un solido e convincente metodo di studio, tale da consentire,  in una visione globale e sintetica, la rielaborazione personale dei contenuti acquisiti nel corso degli studi.

Le facoltà maggiormente chiamate in causa sono quelle che consentono di stabilire relazioni e collegamenti tra i singoli argomenti e delle varie discipline tra loro in funzione di un apprendimento complessivo e organico.

La linea logica che tiene insieme il tema sintetico e i nodi essenziali offre il punto di vista  sia al docente che pone la questione, sia allo studente che organizza compiutamente il suo discorso in un’ottica sintetica e interdisciplinare.

Ne consegue che la prova conclusiva deve essere tenuta presente fin dall’inizio del corso di studi e lungo l’intero  curricolo perché costituisce il coronamento di un processo di crescita  culturale cui è possibile pervenire se le diverse discipline, sia negli aspetti analitici, sia in quelli sintetici, costituiscono un ambito di indagine da percorrere non in modo puramente nozionistico,  ma come itinerario particolare di una mappa per orientarsi in un progressivo panorama globale e complessivo delle discipline teologiche.

Al fine di orientare sia gli studenti sia i docenti al conseguimento degli obiettivi specifici dell’esame sintetico, sembra opportuno fornire alcune indicazioni pratiche:

  1. È compito del docente che pone la questione orientare lo studente a mantenersi   su un piano di sintesi, guidandolo a cogliere il legame tra le diverse tematiche e stimolando la comprensione dei vari temi in una prospettiva interdisciplinare e unitaria.
  2. Gli studenti, rispondendo alla domanda, definiscono un percorso per loro significativo e ne giustificano la scelta, dando prova di sapersi orientare nella complessità degli ambiti disciplinari con metodo, competenza,  chiarezza e capacità critica.

I docenti delle discipline comprese nel tesario finale danno la loro disponibilità per eventuali chiarimenti di carattere generale, di contenuto o di metodo.

  1. Tematica Filosofica

Tema sintetico

Nella sua dimensione di annuncio, di comprensione di sé e di difesa delle proprie posizioni, la fede cristiana ha sempre avuto consapevolezza di dover coniugare l’orizzonte della fede nella parola rivelata con l’esigenza di comprenderla e formularla coerentemente nell’orizzonte della ragione.

Nodi essenziali

  1. La questione del rapporto tra Fides e Ratio ha trovato una sua formulazione esemplare nel Credo ut intelligam et intelligo ut credam (Agostino) e nel Fides quaerens intellectum (Anselmo). In tempi recenti la questione è stata spesso ripensata nei termini della circolarità ermeneutica. Limiti e possibilità di un tale approccio.
  2. «La filosofia, che già da sé è in grado di riconoscere l’incessante trascendersi dell’uomo verso la verità, aiutata dalla fede può aprirsi ad accogliere nella “follia” della Croce la genuina critica a quanti si illudono di possedere la verità, imbrigliandola nelle secche di un loro sistema» (Fides et ratio, 23).
  3. Sapere scientifico e sapere teologico: rispettivi metodi, differenze e possibilità di dialogo. Teologia naturale e teologia rivelata: metodi di indagine, limiti e finalità. L’esistenza di Dio: le vie tomistiche e la loro critica in I. Kant.
  4. Rilevanza teologica dell’accessibilità razionale al mistero di Dio: fideismo, gnosticismo e agnosticismo, integralità antropologica dell’atto di fede, necessità della Rivelazione (cfr. Sap 13,1-9; Rom 1,19-20; Dei Filius, cap. IV).
  1. Tematica Storica

Tema sintetico

La Chiesa cattolica, piccolo gregge costituito da Cristo per essere popolo tra i popoli, quale organismo vivente guidato dallo Spirito Santo, è soggetta a uno sviluppo e a una crescita nella comprensione dell’unica fede apostolica. Fedele alla sua missione di evangelizzazione degli uomini di tutti i popoli e nazioni, fin dalle sue origini conosce nel processo di inculturazione e nell’evento dei Concili due espressioni fondamentali  del suo cammino storico.

Nodi essenziali

  1. L’inculturazione della fede nella Chiesa apostolica (giudeocristiani, ellenisti, Paolo) e nel Cristianesimo dell’Impero Romano (apologetica e Padri della Chiesa) segna l’esordio di un processo vitale di incontro tra il dono della fede offerto da Cristo all’umanità e l’uomo storicamente radicato nel proprio tempo e nella propria cultura.
  2. Cause e specificità delle “teorie conciliari” all’alba dell’età moderna. Nel processo storico della vita della Chiesa il Concilio di Costanza rappresenta un momento critico ma fortemente espressivo dell’esigenza del Cristianesimo di incorporarsi nella cultura vivente degli uomini.
  3. Il fenomeno storico del consolidamento ad intra della Chiesa cattolica nel Concilio di Trento e nel Vaticano I come espressione di una fase di riflessione su se stessa per disporsi a nuove tappe di incontro con il mondo degli uomini.
  4. Esigenze pastorali di inculturazione e di rinnovamento teologico hanno ispirato e guidato il Concilio Vaticano II che si è proposto come Chiesa in dialogo con tutti gli uomini di buona volontà.
  1. Tematica Biblica

Tema sintetico

Il Nuovo Testamento accoglie l’Antico Testamento come Parola di Dio che riceve nuova luce dal compimento in Cristo, Verbo di Dio incarnato. Il Nuovo Testamento proclama che nel mistero della vita, morte e risurrezione di Cristo le Sacre Scritture del popolo ebraico hanno trovato il loro perfetto adempimento. Ne segue che anche  il Nuovo Testamento richiede di essere letto alla luce dell’Antico: Dio… ha sapientemente disposto che il Nuovo fosse nascosto nell’Antico e l’Antico fosse manifestato nel Nuovo. (Dei Verbum, 16).

Nodi essenziali

  1. L’Alleanza tra Dio e il popolo di Israele, sancita durante l’esodo per mezzo di Mosè, e il progressivo cammino verso il monoteismo, sempre più trascendente e, al tempo stesso, immanente è caratterizzato dall’infedeltà del popolo di Israele attratto dall’idolatria. È questo il tema principale che riscontriamo nella tradizione profetica a partire da Amos e da Osea che denunciano la rottura dell’Alleanza. La predicazione dei profeti annuncia il dono di un cuore nuovo (Ger 31,31-34) e di uno spirito nuovo (Ez 11, 19,21; 36, 26-27), che permetterà di assimilare e praticare la Legge.
  1. “Il Regno è vicino!” (Mc 1,15). Sono le prime parole che Gesù pronuncia all’inizio del suo ministero. Il compimento del tempo inaugura il Regno: è l’ultima fase della storia della salvezza, che richiede fede e conversione e si conclude al termine della storia con il ritorno di Cristo quale giudice per instaurare definitivamente il Regno celeste. È già presente nella persona di Gesù e nella sua predicazione, come emerge con grande evidenza nei vangeli sinottici. Il Regno di Dio è una realtà trascendente: la sua sede naturale è il cielo ove domina la signoria di Cristo; ma il Regno è già presente sulla terra nello Spirito del Risorto che agisce nella storia degli uomini.
  1. Per Paolo l’uomo è peccatore. A causa del peccato l’uomo soffoca la verità propria di Dio (Rm 1, 18-19), confonde il Dio creatore con le sue creature, fino a perdere il rapporto fondante con lui. Nell’espressione «giustificazione per mezzo della fede» Paolo condensa l’annuncio evangelico: nella nuova relazione con Cristo morto e risorto l’uomo è liberato dal peccato, riceve il dono dello Spirito e cammina nella vita nuova in Cristo.
  1. Tematica Fondamentale

Tema sintetico

L’incontro tra l’uomo e Dio si realizza mediante un duplice movimento: ricerca di Dio da parte dell’uomo, ricerca dell’uomo da parte di Dio; da una parte, l’apertura e l’attesa umana della parola di Dio o del suo silenzio, dall’altro la libera rivelazione di Dio nella storia di Israele e nell’evento di Gesù di Nazaret. A partire da questa tensione polare, si comprende la convenienza, la ragionevolezza e la credibilità della fede della Chiesa nel mistero di Cristo.

Nodi essenziali

  1. L’uomo si riconosce in azione come apertura all’assoluto e come domanda di senso totale. La realtà è occasione offerta alla libertà umana per scoprire l’urgenza e la domanda che Dio si riveli. L’attesa nella possibile rivelazione è perciò l’atto più ragionevole dell’essere umano.
  1. Il culmine della rivelazione di Dio si realizza in Gesù Cristo: nei suoi gesti, nelle sue parole, nel suo rapporto col Padre, nella sua concezione della vita, nella sua passione, morte e resurrezione. L’esperienza umana di Gesù di Nazaret – così come tramandata dalla Scrittura letta alla luce dell’interpretazione ecclesiale – è la testimonianza credibile del mistero di Dio.
  1. La memoria attualizzante dell’evento di Cristo si ripropone nella vita della Chiesa come comunione visibile animata dallo Spirito Santo e come Tradizione. Nella Traditio la Chiesa cresce nella coscienza dell’opera storica di Dio e trasmette nello Spirito quanto Gesù Cristo ha ricevuto dal Padre. Nella Tradizione si distinguono il processo del trasmettere (actus tradendi), il contenuto trasmesso (traditio obiectiva) e i soggetti della tradizione (traditio subiectiva).
  1. Tematica Cristologico-Trinitaria

Tema sintetico

 

Il Mistero di Dio Uno e Trino si situa al centro della professione di fede cristiana e può essere riassunto dall’espressione di 1Gv 4,8.16: “Dio è Amore”. Seguendo l’assunto di matrice rahneriana, la Trinità che si manifesta nell’Historia Salutis è la Trinità immanente; mistero che si comunica all’uomo in completa libertà e gratuità. Dio si rivela pienamente e definitivamente in Gesù di Nazareth, Figlio di Dio incarnato: “In questo si è manifestato l’amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui” (1 Gv 4,9). Gesù Cristo è l’autocomunicazione di Dio nella nostra Storia; la sua Persona costituisce un elemento insuperabile del rapporto Dio-uomo.

Nodi essenziali

  1. Nelle parole di Gesù Cristo, Verbo fatto carne, è espressa l’autocoscienza divina e svelata l’identità del Padre suo e dello Spirito-Dono. La riflessione sul Mistero del Dio Triunitario ha come luogo cardine la comunità cristiana: alla luce dell’evento pasquale, che rivela la piena signoria del Cristo, si inizia a riflettere sulla relazione che intercorre tra le Persone divine. Nei Vangeli si rilegge il messaggio veterotestamentario e si esprime la rivelazione di Gesù Cristo e la fede cristiana. L’annuncio apostolico e le testimonianze dei Padri della Chiesa costituiscono i primi passi di un processo dottrinale teso a salvaguardare la triunità di Dio e la vera identità di Gesù Cristo, contro il monolitico monoteismo di matrice giudaica e il politeismo proveniente da altri poli culturali.
  1. La formazione della dottrina cristologico-trinitaria ha nei Simboli di Fede e nei pronunciamenti dei Concili un chiaro momento di definizione dogmatica. Attraverso tali formule, la riflessione della Chiesa cerca di tradurre il contenuto del depositum fidei, tenendo conto delle diverse problematiche (eresie) e del mondo culturale, cui deve fare fronte per annunciare la Verità profonda di Dio.
  1. Termini essenziali per comprendere la novità del Dio cristiano e la singolarità di Gesù Cristo sono le nozioni a cui si affida la teologia: Natura, Sostanza, Persona, Missioni, Processioni, Pericoresi, Incarnazione, Mediazione salvifica, Soddisfazione…; fanno parte di un vocabolario che esprime la possibilità di approfondire le realtà divine, senza mai misconoscere l’assunto agostiniano del Deus semper maior.
  1. Tematica Antropologica

 Tema sintetico

La visione cristiana dell’uomo si fonda sulla sua incorporazione a Cristo. Implica quindi una relazione tra cristologia e antropologia nel segno della predestinazione in Cristo intesa come filiazione, in vista della universalità del disegno di salvezza. La relazione cristologia-antropologia è quindi il principio architettonico dell’antropologia teologica alla luce della dimensione biblica e pneumatologica, secondo il recupero proposto dal rinnovamento conciliare.

Nodi essenziali 

  1. L’uomo centro dell’antropologia cristiana. La cifra biblico-patristica di imago Dei e le componenti antropologiche di anima e corpo, elementi per una visione sintetica della libertà creata che qualifica l’uomo come capace di relazione. La sua declinazione nella relazione al mondo, nella dimensione corporea e nella differenza sessuale.
  1. Il peccato originale come perdita della conformità a Cristo. Sullo sfondo della creazione in Cristo (stato originario), l’ermeneutica del dogma del peccato originale attraverso la teologia biblica del peccato e l’analisi critica del dato magisteriale profila un suo rinnovato annuncio e il senso per l’oggi.
  1. La libertà cristiana è chiamata alla comunione in Cristo e si realizza attraverso la grazia dell’incorporazione. Il ripensamento biblico-teologico della Grazia nel contesto della incorporazione a Cristo, mediante lo Spirito. Il dinamismo della vita di grazia nell’uomo e il suo rapporto con la libertà.
  1. Il compimento escatologico. La realizzazione del progetto divino e della libertà creata. Il ripensamento biblico–teologico dei temi classici dell’escatologia cristiana: morte e vita, giudizio e misericordia, destino finale dell’uomo.
  1. Tematica Ecclesiologica

Tema sintetico

La Chiesa è comunione  perché fondata sulla Trinità, che la costituisce come comunità d’amore. Essa nasce dalla volontà salvifica universale di Dio: prefigurata in Israele, costituita in Cristo nello Spirito, è popolo di Dio in cammino verso la pienezza del Regno; in relazione con ogni uomo e col mondo, è sacramento universale della salvezza.

Nodi essenziali

  1. La riflessione sulla Chiesa si sviluppa già nella comunità neotestamentaria che rilegge e trasmette l’evento Cristo; si configura servendosi di categorie diverse nel corso della storia. La fede cristiana qualifica la Chiesa con le note dell’unità, della santità, della cattolicità e dell’apostolicità.
  1. La Chiesa di Cristo sussiste nella Chiesa cattolica. Essa ha una dimensione universale ed una locale. L’unità si distingue dall’uniformità ed è invocata da Dio e ricercata già nella Chiesa primitiva. Alle diverse e continue divisioni all’interno del popolo di Dio fanno seguito altrettanti tentativi di riconciliazione. Il movimento ecumenico sorge per impulso dello Spirito e si sviluppa sino ad assumere la conformazione attuale, precisando le sue finalità e raggiungendo convergenze teologiche significative.
  1. Maria, segno della fedeltà di Dio alle Promesse culminate in Cristo: è Madre di Dio, fa parte della Chiesa e ne prefigura la perfetta realizzazione nella fede e nell’amore. Lo sviluppo teologico nelle varie epoche storiche chiarisce il dogma e la figura di Maria nella storia della salvezza.
  1. La Chiesa è chiamata ad annunciare il Vangelo ed educare alla fede nell’attuale contesto socio-culturale. Tutta la comunità cristiana è responsabile dell’evangelizzazione e della catechesi, nella fedeltà a Dio e all’uomo.
  1. Tematica liturgico-sacramentaria

Tema Sintetico

La concezione sacramentale del Concilio Vaticano II rilegge la categoria teologica di mistero-sacramento in riferimento a Cristo, alla Chiesa, alla vita liturgica della Chiesa e in particolare ai sette sacramenti. Il fondamento biblico si sviluppa nella storia con approcci teologici diversificati, le cui tappe principali si possono riconoscere nella teologia patristica, nella teologia scolastica, nella teologia del Novecento.

Nodi Essenziali

  1. L’iniziazione cristiana in prospettiva unitaria. A partire dal fondamento biblico la Chiesa ha sviluppato una forma celebrativa e una teologia dell’iniziazione cristiana che hanno assunto modalità diverse nel corso della storia. L’articolazione sacramentale di Battesimo, Confermazione, Eucaristia secondo la visione attuale: i riti liturgici dell’iniziazione cristiana, le prospettive teologiche, le questioni pastorali.
  1. Il mistero eucaristico in quanto memoriale, sacrificio, convito, rendimento di grazie. L’attuazione celebrativa e il valore teologico del rito liturgico. Dimensioni teologiche: la presenza sacramentale del sacrificio di Cristo, il rapporto tra Eucaristia e Chiesa, il rapporto tra Eucaristia ed etica.
  1. I sacramenti della Penitenza, dell’Unzione degli infermi, dell’Ordine e del Matrimonio nel contesto del settenario sacramentale. Di ciascun sacramento si può cogliere come, a partire dall’atteggiamento di Cristo e degli apostoli, la Chiesa nelle varie epoche storiche abbia elaborato delle forme celebrative e delle prospettive teologiche. Il Magistero a sua volta è intervenuto per precisare le principali questioni dottrinali. L’approccio della Chiesa attuale verso i singoli sacramenti in prospettiva liturgica, teologica e pastorale.
  1. La liturgia nell’economia della storia della salvezza e come attuazione del mistero pasquale. Il contributo del Concilio Vaticano II alla visione teologica della liturgia e alla valorizzazione della celebrazione liturgica come luogo dell’incontro con Dio. La celebrazione della liturgia nei sacramenti e nell’anno liturgico.
  1. Tematica morale

Tema Sintetico

L’agire morale del cristiano, radicato e fondato nel mistero pasquale di Cristo, Alfa e Omega della creazione, si presenta come libera e progressiva conformazione al Figlio che, obbediente al Padre e in comunione con lo Spirito Santo che opera nel mondo, dona se stesso per la salvezza di ciascuno e di tutti.

Nodi essenziali 

  1. La coscienza morale è oggi sottoposta al pericolo di confusione del bene e del male. Ciononostante, quale nucleo nel quale l’uomo è solo con Dio e originario vicario di Cristo, essa è difesa efficace della dignità umana, custodia vigile dell’unicità personale e interiorità di comunione e dialogo tra gli uomini.
  1. L’amore coniugale, diretto da persona a persona con un sentimento che nasce dalla volontà, di per sé aperto alla vita e assunto nell’amore di Cristo per la Chiesa, unisce in sé valori umani e divini: continuità e sviluppo sul piano teologico, antropologico e morale nell’insegnamento del Vaticano II, della Humanae Vitae e di Giovanni Paolo II.
  2. La ricerca del regno di Dio e della sua giustizia avvengono qui e ora nella scoperta del disegno d’amore che Dio ha per l’umanità. Il cristiano, custode del creato e del prossimo a lui affidati, trova nel messaggio del Vangelo e nella riflessione operata dalla dottrina sociale della Chiesa, i principi, i criteri e le direttive per  trattare le cose del mondo e agire secondo la volontà di Dio.

 

Appelli Prof. Meloni

compilare il modulo correttamente facendo attenzione se si tratti di 1° appello o 2° appello

E' scaduto il termine per l'iscrizione al 2° appello
E' scaduto il termine per l'iscrizione al 2° appello

 

 

Corso di Pastorale della salute

Arcidiocesi di Cagliari

Ufficio Diocesano per la Pastorale della Salute

Istituto Superiore di Scienze Religiose

 

Corso di Pastorale della Salute

Lab_salute

 

 «Và e anche tu fà lo stesso» (Lc. 10,37)

 

Docente:

Padre  Giuseppe Mario Carrucciu  ofmcap.

Lezioni:  

dal 17 febbraio al 26 Maggio il martedì dalle 18,25 alle 20,00

Sede:

Istituto Superiore di Scienze Religiose c/o Facoltà Teologica, via Sanjust 13, Cagliari, tel. 0704071556, www.issrcagliari.it

Destinatari:

Alunni dell’ISSR, operatori pastorali, tutti coloro che desiderano approfondire la conoscenza del servizio Pastorale della Chiesa nella sanità

Iscrizioni:

Segreteria dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose, dal lunedì al mercoledì (h. 17,00-19,00);

Ufficio Diocesano, c/o Policlinico Ospedaliero – Universitario, Monserrato, tel. 070 510922 – Lunedì e martedì (h. 09,00-10,00)

 

Quota

€ 30 (chi volesse riconoscimento accademico dovrà iscriversi come uditore all’ISSR, pagando relative tasse accademiche)

Sarà rilasciato attestato di partecipazione

Orario lezioni a.a. 2015-16

Orario Lezioni Triennio – I semestre

Anno I Anno II Anno III
Lunedì 16,30-17,15 Pisu Lai Lai
17,25-18,10 Pisu Lai Lai
18,25-19,10 Vinti Lai Lai
19,15-20,00 Vinti Pettinau Pettinau
20,05-20,50 Loi Pettinau Pettinau
Martedì 16,30-17,15 Vinci/Tilocca Lorenzani Lorenzani
17,25-18,10 Vinci/Tilocca Secci Secci
18,25-19,10 Pau Matzeu Matzeu
19,15-20,00 Bolomba Pau Pau
20,05-20,50 Pau Pau
Mercoledì 16,30-17,15 Spano Lorenzani Lorenzani
17,25-18,10 Corona Lorenzani Lorenzani
18,25-19,10 Loi Madeddu Madeddu
19,15-20,00 Loi Madeddu Madeddu
20,05-20,50

Orario Lezioni Biennio di Specializzazione  – I semestre

Past-Catech-Liturgica Pedagogico-Didattica
Lunedì 16,30-17,15 Pettinau Pettinau
17,25-18,10 Pettinau Pettinau
18,25-19,10 Pau Marrone
19,15-20,00 Pau Marrone
20,05-20,50 Pau
Martedì 16,30-17,15 Maceri Maceri
17,25-18,10 Maceri Maceri
18,25-19,10 Artizzu Artizzu
19,15-20,00 Artizzu Artizzu
20,05-20,50 Piredda
Mercoledì 16,30-17,15 DelZompo[1] DelZompo
17,25-18,10 Del Zompo Del Zompo
18,25-19,10 Melis Melis
19,15-20,00 Melis Melis
20,05-20,50 Pau/Piredda

[1] La prof.ssa Del Zompo farà lezione dal 7 ottobre al 18 novembre 2015

 

Orario Lezioni Triennio – II semestre

Anno I Anno II Anno III
Lunedì 16,30-17,15 Lorenzani Piras P./ Meloni Piras P./ meloni
17,25-18,10 Lorenzani Lai Lai
18,25-19,10 Vinti Lai Lai
19,15-20,00 Vinti Lai Lai
20,05-20,50 Vinci/Tilocca Pettinau Pettinau
Martedì 16,30-17,15 Lorenzani Vinci Vinci
17,25-18,10 Spano Vinci Vinci
18,25-19,10 Spano Piras A. Piras A.
19,15-20,00 Loi Piras A. Piras A.
20,05-20,50 Loi
Mercoledì 16,30-17,15 Maceri Piras P. Piras P.
17,25-18,10 Maceri Piras P. Piras P.
18,25-19,10 Corona Campus Campus
19,15-20,00 Corona Campus Campus
20,05-20,50 Pau Campus Campus

Orario Lezioni Biennio Specializzazione – II semestre

Past-Catech-Liturgica Pedagogico-Didattica
Lunedì 16,30-17,15 Cabizzosu/Puddu Cabizzosu/Puddu
17,25-18,10 Cabizzosu/Puddu Cabizzosu/Puddu
18,25-19,10 Trudu/Sedda/Pillai Trudu/Sedda/Pillai
19,15-20,00 Trudu/Sedda/Pillai Trudu/Sedda/Pillai
20,05-20,50 Pau
Martedì 16,30-17,15 Lanero Melis
17,25-18,10 Lanero Melis
18,25-19,10 Steiner Fadda
19,15-20,00 Steiner Fadda
20,05-20,50
Mercoledì 16,30-17,15 Deidda Deidda
17,25-18,10 Deidda Deidda
18,25-19,10 Secci Secci
19,15-20,00 Madeddu
20,05-20,50 Madeddu

 

Modulo domanda esenzione tassa ERSU

In allegato il modulo per l’esenzione dalla tassa ERSU

Modulo domanda esenzione tassa ERSU

Ersu

AVVISO

Tutti gli studenti ordinari e fuori corso ai sensi dell’articolo 3, comma 20, della Legge 549/1995, sono tenuti al pagamento della Tassa Regionale per il diritto allo studio. Il pagamento deve essere effettuato entro il 23 Febbraio con un bollettino di conto corrente postale

intestato a E.R.S.U. – Corso Vittorio Emanuele 68, 09124 Cagliari

Causale: Tassa Regionale – Anno Accademico 2013-2014

CCP: n. 19617091

Importo: Euro 140,00

Inoltre:

  1. La ricevuta del versamento (o una fotocopia) deve essere consegnata in Segreteria.
  2. Sono esentati gli studenti il cui nucleo familiare non supera il reddito annuo (riferito al 2013) di € 25.000. È necessario compilare domanda di esenzione servendosi degli appositi moduli disponibili in Segreteria (codice di Facoltà 97; codice corso di studi 01).
  3. Sono esentati gli studenti beneficiari e idonei, presenti nelle graduatorie borse di studio.
  4. Si invitano gli studenti a prendere visione dei servizi offerti dall’E.R.S.U. consultando il sito www.ersucagliari.it.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui su MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Statistiche gratis